Yoga e benessere in Alto Adige

Alla scoperta della nuova mindfulness

Eretta, controllata e profondamente radicata nella terra: questi sono i segreti per eseguire una perfetta “posizione della montagna” nello yoga. Se praticata correttamente, questa Asana permette di sentirsi forti e alti proprio come una montagna! Chissà se gli indiani stavano pensando all’Alto Adige quando hanno dato il nome a questa posizione. Nella cornice naturale di questa regione alpina, dove aspre rocce si alternano a quieti boschi fatati e le immense cime delle montagne si addolciscono lasciando spazio ad ampie vallate, è facile percepire l’unione tra mente e corpo in modo particolarmente intenso.

Da passione di nicchia a movimento globale: negli ultimi decenni lo yoga ha intrapreso una marcia trionfale in tutto il mondo, attirando persone di tutte le età grazie all’approccio olistico che questa disciplina abbraccia. L’allenamento e gli esercizi posturali propongono infatti numerose varianti e, per questo, accontentano tutte le esigenze. Eppure lo yoga non è solo sinonimo di attività fisica, ma rappresenta una vera filosofia di vita: grazie all’unione indissolubile con gli insegnamenti dell’estremo oriente, lo yoga dona gli strumenti per vivere una vita in modo sano, rilassato e consapevole. La pratica dello yoga aiuta ad allungare i muscoli e ossigenare in modo ottimale il corpo attraverso tecniche di respirazione (Pranayama) e allo stesso tempo favorisce la concentrazione, la consapevolezza di sé e la “propriocezione”, la percezione di sé nello spazio circostante. Ciò permette di ridurre lo stress e di fare il pieno di nuove energie, creando una perfetta armonia tra anima e corpo. Questa spiritualità non si limita dunque al perimetro del “mat”, il tappetino da yoga, e viene implementata a 360° in molti hotel e resort dell'Alto Adige.

"Il silenzio delle montagne amplifica la voce del nostro cuore".

Il posto perfetto per un maggiore equilibrio

Sci, mountain bike, sci nordico, trekking e arrampicata: l’Alto Adige è un paradiso per tutti gli appassionati di sport attivi e tradizionali nel mezzo della natura incontaminata. Eppure, oltre all’incomparabile offerta destinata agli sportivi, negli ultimi anni si è affermata sempre più una nuova tendenza - e richiesta - più “slow”, perfetta per le persone che non sono necessariamente alla ricerca dell’adrenalina ma che vorrebbero (ri)scoprire la loro energia e l’equilibrio. Questo trend può essere riassunto come “wellness e yoga in Alto Adige”.

Non c’è da sorprendersi se l’offerta di yoga-retreats, workshop, eventi e corsi è particolarmente vasta in provincia: d’altronde il mite clima alpino-mediterraneo, gli altipiani soleggiati e il panorama mozzafiato in alta quota permettono a ognuno di noi di materializzarsi nel “qui ed ora”, come per magia.

Panorama - yoga Alto Adige

Vai dove ti porta lo yoga

In Alto Adige è possibile fare yoga in ogni angolo! Per far sì che l’energia del luogo vi pervada con tutta la sua intensità vi consiglio di combinare una sessione di yoga con una facile escursione tra le valli e le montagne altoatesine. I due laghi di Monticolo nel comune di Appiano sulla Strada del Vino, ad esempio, sono luoghi perfetti dove poter praticare l’arte dello yoga! Le vaste spiagge pubbliche e i verdi prati sono abbracciati da canneti e fitti boschi che regalano preziose zone d’ombra nelle stagioni più calde. Per trarre tutti i benefici dello yoga vi consiglio di recarvi in questi spot idilliaci durante l’alba o il tramonto, adagiare il tappetino da yoga sulla spiaggia oppure lungo una delle passerelle attorno al lago e di produrvi lì nel vostro “saluto al sole”: con il dolce e costante fruscìo dell'acqua in sottofondo sarà ancora più semplice entrare nel flow!

Lago di Monticolo - yoga Alto Adige

Per una sessione di yoga indimenticabile non può mancare uno dei luoghi più famosi dell’Alto Adige: il Lago di Braies. Riconosciuto come il lago alpino più bello delle Dolomiti – e per questo noto anche come “Perla delle Dolomiti” - il Lago di Braies e il circostante Parco Naturale Fanes-Senes-Braies sono dichiarati Patrimonio dell'Umanità UNESCO. Grazie alla sua straordinaria bellezza il Lago di Braies è particolarmente gettonato da influencer e turisti, soprattutto in estate: eppure, oltrepassando gli arcinoti hotspot fotografici, si possono raggiungere delle piccole radure incantate dove la quiete regna sovrana a quasi 1.500 m slm. Vi consiglio di recarvi sulle rive di questo lago di montagna nelle prime ore del mattino o nel tardo pomeriggio: ammirando la maestosa Croda del Becco riflettersi nelle acque turchesi e respirando i profumi e gli odori del bosco, il corpo e la mente entrano in perfetta armonia.

Lago di Braies - yoga Alto Adige

La forza delle montagne

Come suggerisce il suo nome, la “posizione della montagna” trova la sua massima sintesi se eseguita ad altezze elevate: perché, dunque, non praticare lo yoga in cima a una delle vette dell’Alto Adige, contemplando un panorama mozzafiato dall’alto? Per risparmiare le energie in vista del vostro momento di meditazione vi consiglio di optare per una facile escursione, come ad esempio quella sul Fleckner nelle Alpi dello Stubai. In sole 1,5 – 2 ore raggiungerete la cima Fleckner a un'altitudine di oltre 2.300 m. Ad accogliervi troverete un panorama indimenticabile sulle vicine Alpi austriache della Ötztal e dello Stubai: prima di scendere lungo il sentiero d’alta quota, stendete il vostro tappetino e concedetevi una pausa rivitalizzante!

Fleckner - yoga Alto Adige

Sono numerosi gli hotel altoatesini in cui la natura diventa protagonista e viene consapevolmente integrata anche nello yoga: in primavera, estate e autunno le lezioni si tengono preferibilmente all'aperto, il tappetino viene steso sull'erba morbida e i primi raggi del giorno solleticano il naso durante i saluti al sole. Un sogno a occhi aperti!

Ascoltando l’antica saggezza

Come già detto, lo yoga non è solo sinonimo di esercizio fisico. Questa concezione legata allo yoga si è sviluppata solamente negli ultimi decenni e non rispecchia pienamente la verità. Uno dei testi principali della filosofia yoga, lo “Yogasutra” di Patanjali, contiene saggi aforismi e indicazioni per capire e studiare sia noi stessi sia gli altri esseri viventi che ci circondano. Attraverso lo studio dei cosiddetti Yamas e Niyamas diventa subito chiaro che adottare uno stile di vita yogico significa molto più di meri esercizi fisici e ginnici quotidiani. Ad esempio, il primo principio Yama - "Ahimsa" - predica la non-violenza in parole e azioni sia verso noi stessi sia nei confronti degli altri: questo principio costituisce le fondamenta dello stile di vita spesso vegetariano o vegano di molti yogi. Il Niyama "Saucha" affronta invece la purezza del nostro corpo e della nostra anima.

Una cucina consapevole

La depurazione fisica, l'eliminazione delle tossine e l'assunzione di cibo sano hanno un ruolo importante nello yoga, che oggi si integra perfettamente anche nei moderni concetti di benessere. Nei resort e nei rifugi è possibile scegliere tra una grande varietà di programmi di yoga e godere di menù studiati appositamente per depurare mente e corpo, basati su un’alimentazione vegetariana o vegana. La cucina altoatesina offre una vasta scelta di piatti tradizionali privi di carne e grassi animali, preferendo l’utilizzo di frutta e verdura locale: brevi cicli di approvvigionamento, un mix di gustose ricette tradizionali rivisitate secondo l’ispirazione e il tocco internazionale di chef creativi e ambiziosi che strizza l’occhio anche ai palati più esigenti. Questo è ciò che rende la cucina wellness altoatesina unica nel suo genere!

Mangiare  - yoga Alto Adige

E per una perfetta vacanza benessere in Alto Adige, ecco i miei 5 consigli per ritagliarsi preziosi momenti di yoga e mindfulness:

  • Iniziare la giornata in armonia con la natura: secondo la tradizione indiana, le lezioni di yoga iniziano spesso all'alba. Anche se i morbidi cuscini vi invitano a non uscire dal letto, i temerari che sapranno resistere a questa tentazione e preferiranno stendere il tappetino alle prime luci dell’alba saranno ricompensati con l'ineguagliabile benessere che lo yoga può creare durante tutta la giornata. Deliziata dal canto e dal cinguettio degli uccellini, la mente si apre al nuovo giorno con tutte le sue opportunità.
  • Aumentare la forza con il pranayama: grande attenzione viene dedicata agli esercizi di respirazione yogica in molte classi. Semplici varianti di questa respirazione, come ad esempio la respirazione addominale consapevole, possono essere integrate anche nella vita quotidiana. In momenti di tensione o stress basta chiudere gli occhi, mettere entrambe le mani a sinistra e a destra dell'ombelico sull'addome e respirare in modo calmo e profondo, in modo tale che la parete addominale si inarchi delicatamente contro le mani.
  • Una camminata meditativa nel bosco a contatto con il morbido terreno: La foresta è un luogo di potere che attraversa tutti i nostri sensi. Durante i giorni di riposo preferire una camminata meditativa consapevole a un’escursione è un’ottima idea! Camminando consapevolmente nel bosco, mettendo un piede davanti all’altro, si ha tutto il tempo di percepire il profumo di spezie nell’aria o i suoni più delicati e sfuggenti e osservare creature che altrimenti sarebbero nascoste. Le cose meno importanti passano in secondo piano e la vista dell’essenziale diventa sempre più chiara.
  • Accendi il calore: anche se non è correlato allo yoga classico, concedersi una sauna nell'area benessere è benefico e salutare: il metabolismo viene stimolato, il sistema immunitario si rafforza e i muscoli possono rilassarsi.
  • Fare amicizia con la scrittura: nonostante i giorni di relax una scia di pensieri vi tormenta prima di addormentarvi? Annotare preoccupazioni e desideri in un diario permette di conoscere meglio se stessi e dimenticare inutili crucci.

La strada intrapresa dalla filosofia dello yoga, dal lontano subcontinente indiano fino alle montagne dell’Alto Adige, può sembrare sorprendente a primo impatto. Eppure, questo è un percorso del tutto naturale: orizzonti aperti, cordialità, cibo sano ed esercizio fisico - e un pizzico di curiosità per l’ignoto - fanno parte della nostra cultura da secoli. È proprio questo che riesce a creare un solido collegamento tra due luoghi, tra una filosofia e uno stile di vita tra oriente e occidente. D’altronde, la parola "Yoga” in lingua sanscrita significa nient'altro che "unire, congiungere, creare un’unità”.

Relax al lago  - yoga Alto Adige

Foto: ©IDM Südtirol/Alex Filz, Damian Pertoll, Harald Wisthaler; Petra Gufler; Julia Hell, Pixabay/Tessa Mannonen, Maria Lindsey Content
Condividi
Originaria di Innsbruck, da quasi dieci anni è alla ricerca di tutte le perle nascoste che l’Alto Adige ha da offrire. Grazie alle numerose visite ai suoceri a Bolzano e sul Renon, Christina ormai conosce l’Alto Adige come le sue tasche. Luoghi preferiti? Il Lago di Fiè e le tante piccole enoteche nascoste di Bressanone.

La tua vacanza